Home  |  Ultimissime  |  L’arte al supermercato registra un grande successo da parte del pubblico: a Despar Teatro Italia si visita “HILLARY”, la mostra personale dell’artista americano Kenneth Goldsmith
13.08.2019

L’arte al supermercato registra un grande successo da parte del pubblico: a Despar Teatro Italia si visita “HILLARY”, la mostra personale dell’artista americano Kenneth Goldsmith

L’arte al supermercato registra un grande successo da parte del pubblico: a Despar Teatro Italia si visita “HILLARY”, la mostra personale dell’artista americano Kenneth Goldsmith

La mostra di Kenneth Goldsmith, allestita dal duo curatoriale Francesco Urbano Ragazzi, in scena nella galleria del supermercato Despar Teatro Italia è stata inaugurata lo scorso 9 maggio, e si avvicina sempre di più a toccare quota 25 mila visitatori: a quasi metà percorso, il grande evento che Despar ha deciso di ospitare nel suo prestigioso punto vendita veneziano, registra già un grande successo in termini di partecipazione e visibilità.

Questa installazione fa rivivere in Teatro Italia la sua originaria natura artistica, mescolandola al suo ruolo commerciale in un connubio inedito che crea stupore e entusiasmo nei molti visitatori.

La media giornaliera, per la precisione, è di quasi 140 visite, per un evento unico nel suo genere, che ha letteralmente catturato l’attenzione dei veneziani e delle migliaia di turisti che affollano quotidianamente le vie della città.

Un pubblico internazionale, curioso, che sta rispondendo con grande interesse e partecipazione a “HILLARY, The Hillary Clinton Emails, mostra personale dell’artista e poeta americano che, con essa, lancia un messaggio di grande democrazia e partecipazione.

In un ambiente a metà tra biblioteca, palco teatrale e ambasciata, Goldsmith trasforma il linguaggio della burocrazia in un vero e proprio genere letterario, riunendo e rendendo pubbliche tutte le email spedite dall’allora Segretario di Stato USA, Hillary Clinton, dal suo server privato. L’artista, dunque, mette in scena il caso che, dieci anni fa, ha cambiato per sempre la nostra idea di privacy e trasparenza, propaganda e democrazia.

Per maggiori informazioni leggi il comunicato stampa qui